30 giugno 2021 J-cases Miriam Mangieri

Jcases_910x512-1

Il noto “James Bond Theme” che accompagna (sebbene in versioni leggermente modificate), le pellicole televisive del personaggio di Ian Fleming sin dal 1962, è stato depositato come marchio sonoro presso l’EUIPO dalla Danjaq LLC in relazione alle classi merceologiche 3, 9, 14, 16, 18, 21, 25, 28, 32 e 33. Qui il link per ascoltare i 25'' della colonna sonora di cui è stata richiesta la registrazione.

Tale domanda di registrazione era stata ritenuta priva di carattere distintivo e rifiutata in toto dall’EUIPO sulla base dell’art. 7(1)(b) RMUE. In particolare, l’esaminatore aveva ritenuto il segno in questione inidoneo ad essere memorizzato come marchio dai consumatori poiché troppo lungo e costituito da una struttura di tre distinti segmenti musicali.

La Danjaq LLC replicava alle obiezioni dell’Ufficio che tuttavia, in data 25 Settembre 2020, confermava la decisione di rigetto del marchio sonoro, ritenendo il segno non in grado di essere percepito come marchio dal pubblico di riferimento.  

Il 15 ottobre 2020, la Danjaq LLC presentava appello avverso la decisione dell’EUIPO sostenendo che il marchio depositato avesse carattere distintivo per tutti i prodotti richiesti e lamentando un vizio di motivazione nella decisione dell’EUIPO ex art. 94 (1) RMUE. Non erano infatti state addotte argomentazioni a supporto della tesi per cui 25 secondi fossero troppi per rendere il marchio non memorizzabile. Inoltre, nella decisione, non si era tenuto conto del fatto che il pubblico di riferimento ha familiarità con il James Bond Theme da decenni.

Con la decisione R-1996/2020-5 del 21 Marzo 2021 la Quinta Commissione di Ricorso dell’EUIPO, ha osservato l’esistenza di un errore procedurale nella decisione, legato alla mancanza di motivazione ai sensi dell’art. 94(1), nonché riconosciuto come il marchio richiesto fosse dotato di capacità distintiva poiché originale, dotato di una certa risonanza, e memorizzabile dai consumatori, ordinando di procedere alla registrazione del marchio per tutti i prodotti e servizi richiesti.

Tale decisione costituisce un importante precedente che dimostra come non sia insolito, specialmente in taluni settori, come ad esempio quello del cinema, identificare dei prodotti o dei servizi con un elemento sonoro.

Thanks to Vittorio Pepe.